Close
Stemma Savona
Savona – Santuario di Nostra Signora della Misericordia – Grazie Italia – Business a tavola – Claudio Messina

Nacque probabilmente come insediamento dei Liguri Sabati. In seguito, iniziò la sua battaglia con Genova alleandosi con i Cartaginesi.

La cucina popolare ha realizzato due cibi da strada come la farinata bianca (conosciuta anche come turtellassu) e la panissa che è possibile trovare anche in versioni arricchite con salsiccia, rosmarino e cipolle. Altri piatti tipici da gustare a Savona sono i maccheroni con la trippa, maccheroni al torchio con trippa di vitello, salsiccia di maiale, odori, burro, brodo di cappone o gallina, olio d’oliva, vino bianco, foglie di cardo e formaggio; la Buridda di Stoccafisso, un piatto ricco a base di stoccafisso cucinato con prezzemolo, sedano, carota, cipolla, aglio, acciughe sotto sale, funghi secchi, pomodori, vino bianco, pinoli, olio, sale e pepe; la salsa della Burmida da spalmare su pane ammollato nell’aceto e poi mischiato con tuorli di uovo, trito di sedano e carota cotti in abbondante olio ai quali vengono aggiunti aglio, acciughe, cipolla e prezzemolo.

Tra i dolci menziono i baci di Alassio che sono sicuramente i più conosciuti, a base di cacao amaro, albumi, zucchero miele e nocciole.

Menzione anche per il Chinotto di Savona che oltre ad avere grande quantità di vitamina C e doti digestive è base di molte bevande. Le denominazioni sono Acciughe sotto sale del Mar Ligure IGP, Basilico Genovese DOP (base del famoso pesto), l’olio Riviera Ligure DOP.

I vini a Savona

Tra i vini trovano spazio Colline Savonesi IGT e Riviera Ligure di Ponente DOC nelle varie sottozone (Finalese, Quiliano, Riviera dei Fiori, Taggia).

La gita a Savona ci mostra molti esempi di stile barocco. In compagnia di Mauro Panichella partiamo visitando il santuario di Nostra Signora della Misericordia, a pochi chilometri dalla città. Terminata la visita riprendiamo l’auto e ci avviciniamo al mare, visto che abbiamo deciso di prendere l’aperitivo con i piedi sulla sabbia. Non possiamo mancare la visita alla cattedrale di Nostra Signora Assunta, altro bellissimo esempio di barocco, per poi continuare l’escursione in direzione della Fortezza del Priamar, circondata da un giardino tenuto ottimamente. Arriva la volta della passeggiata a mare, non resistiamo alla tentazione di toglierci le scarpe per sentire la sabbia camminando, e dopo poco arriviamo al locale dove Mauro ha prenotato aperitivo e pranzo. Ci sediamo e partono le domande.

Mauro, da 1 a 10 quanto è utile per te incontrarsi a tavola per fare business? e perché?

9
Per conoscere davvero una persona, devi mangiare assieme a lei.

Credi/ritieni esistano particolari usi, costumi locali nel relazionarsi a tavola? Idem in momenti più “soft” come le pause caffè, gli aperitivi ecc.

Un bel cono di fritti Km 0 e una birra locale come aperitivo, seduti al tramonto sul porticciolo turistico.

Se dovessi descrivere la tua città dove vivi tramite il piatto tipico, quale indicheresti? Anche più di uno.

la Farinata bianca di grano e il panino con la “Panissa” fritta. Due specialità savonesi

Se dovessi descrivere la città dove vivi tramite la bevanda tipica (alcolica o analcolica), quale indicheresti? Anche più di una.

Sicuramente il Chinotto. Non tutti lo sanno ma la famosa bevanda è una specialità di Savona! All’uscita del casello autostradale potete leggere il cartello: “Benvenuti a Savona, la città del Chinotto”

Puoi descrivere un rito o un’abitudine relativi alla tavola tipici della tua città?

D’estate, lungo le spiagge, oltre ai nazional-popolari venditori di cocco, ci sono anche i venditori di “krapfen”. Non si tratta di bomboloni farciti, bensì di frittelle dolci cosparse di zucchero. Da gustare rigorosamente sotto al sole, tra un tuffo e l’altro.

Hai una ricetta di famiglia, qualcosa che identifica le tue origini e che condivideresti?

Se al mattino presto mettete una manciata di pinoli e alcune foglie di basilico in mezzo bicchiere di olio EVO, quell’olio sarà un ottimo condimento al profumo di pesto per la pasta a cena.

Concludiamo con un tuo aneddoto, ricordi un momento in cui hai fatto delle scelte a tavola che ti hanno permesso di raggiungere gli obiettivi oppure al contrario, che ti hanno precluso questa possibilità? Puoi descriverle?

Da ragazzo presi in affitto insieme a degli amici un garage per suonare con la mia band. La padrona del garage ci propose di stipulare il contratto di affitto dopo averci invitati a mangiare un gelato. Ogni mese, al momento del saldo ci ritrovavamo con la signora presso la stessa gelateria.

Grazie Mauro per il tempo che ci hai dedicato, speriamo di reincontrarti presto.

Di seguito alcuni collegamenti utili per approfondire la conoscenza di Savona

Vieni a visitare la nostra pagina Facebook e se vuoi lascia le tue opinioni o le tue impressioni nei commenti.

Alcune immagini sono pubblicate grazie a Wikipedia secondo le regole del Creative Commons – ShareAlike

Social:

Altri articoli

Cosa abbiamo in Comune – Grazie Italia – Business a tavola – Claudio Messina

Cosa abbiamo in Comune

Abbiamo appena terminato il viaggio di “Grazie Italia”, che ci ha fatto toccare tutte le oltre cento province italiane, e abbiamo già deciso di partire

Grazie Italia – Business a tavola – Claudio Messina – Matteo Galiano

Grazie Italia: il traguardo

Grazie Italia ha concluso il giro di tutta la penisola. Quando si fa un viaggio stando bene insieme, può accadere la magia del “qui ed

BNI Time - Il sapore delle referenze

BNI Time – Il sapore delle referenze

Grazie alla region BNI Perugia per la bella intervista che ha pubblicato sul magazine online BNI Time. L’intervista “Il sapore delle referenze” parla di Referral

Contatti

Referral Tasting

  • info@referraltasting.com

Diventa anche tu protagonista, chiedi come...